SALA OCRA GIALLA
incontri MULTICULTURALI dell'Associazione Culturale Quintiliano

giovedì 31 gennaio 2013

Martedì 05.02.13


  • IRAQ IN MUSICA
    5 febbraio 2013 ore 21.00
    Teatro Vittoria
    Via Gramsci 4 – Torino
    ingresso libero

    Il Caffè dei Giornalisti, in collaborazione con il centro Dar Al Hikma, inaugura il 2013 con un incontro dedicato alla musica irachena, ospitando il 5 febbraio al Teatro Vittoria di Torino Khalid Mohammed Ali uno dei più importanti compositori iracheni e Hasan Falih Owaid Abbas, concertista. Il concerto sarà presentato da Rosita Ferrato, Presidente de Il Caffè dei Giornalisti; Davide Rebuffa, musicologo, che farà una breve storia del liuto.
    Già insignito nel 2008, del premio di Miglior Composizione Musicale dalla Lega Araba, Khalid propone al pubblico internazionale brani musicali intensi che coniugano le formazioni orchestrali e l'oud, un liuto a manico corto con un numero di corde variabile -generalmente 11-  e brani per solo kanoun o qanun, strumento a 72 corde della tradizione classica araba. Ad accompagnarlo sarà Hasan Falih Owaid Abbas, concertista iracheno di fama internazionale che annovera tra le sue performances esibizioni sui palchi di teatri prestigiosi quali  Royal Albert Hall di Londra, l’Opera House di Sydney, il Fox Theatre in U.S.A.
    Insieme costituiscono una formazione di alto livello artistico dalla quale emerge ben chiara l'importanza della composizione musicale nel contesto culturale iracheno e dell'intero orizzonte arabo, frutto dell'intuizione di Ali che avvicina la composizione musicale all'immagine di uno specchio che riflette la civiltà di un popolo e il suo patrimonio culturale più profondo.

    Introdotto nell'argomento da una piccola esposizione di scatti della fotografa Elsa Mezzano che offrono sguardi di bellezza e di quotidianità su un paese che non è solo quello della guerra presentata dai media, il pubblico avrà l’occasione di assistere ad uno straordinario concerto ascoltando strumenti rarissimi in Europa: si ritiene che il qanun sia una sorta di strumento ipnotico, per tradizione suonabile dalle donne; la tradizione lo annovera tra gli strumenti evocativi di una profonda spiritualità, tanto che si narra come al suo suono durante una veglia funebre il compianto sia stato richiamato alla vita.
    Una leggenda araba, poi, attribuisce all'oud una storia che risale alla notte dei tempi: sarebbe infatti stato inventato da Lamack, nipote di Adamo ed Eva. Nel IX secolo, un musicista di oud di Baghdad, Ziryab, fonda a Cordoba una scuola di musica, e aggiungerà una quinta corda allo strumento. Dall'Andalusia, l'oud si diffonderà in Europa, divenendo progressivamente il liuto così amato nelle corti del Rinascimento.
    Khalid Mohammed Ali
    Nato a Mosul nel 1961, Khalid Mohammed Ali inizia a comporre dal 1977, forte degli incoraggiamenti appassionati dello zio e degli insegnamenti del gran maestro Akram Ahmed Habib. Dopo aver studiato il violino, Ali si concentra sulla tradizione araba e orientale e diventa uno spettacolare compositore di musica per il cinema riuscendo a declinare in maniera originale e affascinante le conoscenze musicali via via sempre più approfondite, nella predilezione delle produzioni di piccoli Paesi a lui vicini.
    Hasan Falih Owaid Abbas
    Nasce nel 1963 a Basrah; si laurea in Fine Arts all'Università di Baghdad, nel 2001 vince il primo premio come musicista di qanun nel III Festival Internazionale di Esecuzione Strumentale organizzato dall'Unione della Musica Araba.

    Younis Tawfik
    Presidente del centro italo-arabo Dar Al Hikma, nasce a Mosul, in Iraq e si trasferisce a Torino dove si laurea nel 1986. Insegna Lingua e cultura araba all’Università di Genova. Tra le sue pubblicazioni Islam (Idea Libri, 1977) tradotto in varie lingue, As-Salamu ‘Alaikum. Corso di arabo moderno (Ananke, 1999) e romanzi per Bompiani: La straniera, 1999 vincitore del Premio Grinzane Cavour, La città di Iram, 2002, Il profugo, 2007 e La sposa ripudiata, 2001.

    Elsa Mezzano
    È nata a Cavagnolo (Torino. Nel ’74 si stabilisce a Rivoli, dove installa un vero e proprio laboratorio fotografico attrezzato di tutto punto. Si dedica allo studio e alla sperimentazione di nuove tecniche funzionali al proprio modo di concepire le immagini elaborando, negli anni, una foltissima serie di immagini di paesaggi, nature morte, composizioni.
Le molteplici occasioni di incontro in Italia e all’estero con artisti, musicisti, scrittori, le danno l’opportunità di dar vita ad una vasta e personalissima galleria di ritratti, da Luigi Carluccio, Antonio Del Guercio, Mario De Micheli, Achille Bonito Oliva, Gillo Dorfles, Nicola Micieli tra i critici d’arte; a Mal Waldron, Giorgio Gaslini, Tiziana Ghiglioni, Giovanna Marini, Igor Sciavolino, Severino Gazzelloni, Fausto Amodei, Cicciu Busacca, Rosa Balistreri tra i musicisti e i cantanti; a Gonzalo Alvarez Garcia, Berrocal, Ennio Calabria, Carmen Covito, Agenore Fabbri, Kounellis, Aldo Mondino, Giò Pomodoro, Enzo Sciavolino, Emilio Tadini, Younis Tawfik, Sergio Vacchi, Pierre Klossowski, Ignazio Buttitta, Tahar Ben Jalloun, Egi Volterrani, tra gli artisti e gli scrittori; a Tadheus Kantor, Bruno Cirino, Roberto Castello, Alessandro Certini, Rosita Mariani, Micha Van Hoecke, tra gli attori e i coreografi.
    Davide Rebuffa
    Tra i primi liutisti italiani contemporanei a dedicarsi a strumenti a pizzico storici quali il liuto medievale, il liuto arabo, calichon e le chitarre storiche barocche e ottocentesche, è anche uno fra i pochissimi mandolinisti a utilizzare i mandolini originali e copie di essi con la tecnica descritta nelle fonti dell'epoca.  Dagli anni '80 svolge - in Europa, Nord-Africa e Vicino-Oriente - un'intensa opera di ricerca e divulgazione sul liuto, rivolta anche al grande pubblico, attraverso attività didattica, concerti, conferenze e registrazioni (RAI 3 TRT3, Pentagramma, Stradivarius, Glossa, Brilliant Classics). Come liutista ed esecutore di basso continuo ha collaborato con numerosi ensemble, orchestre barocche ed Enti Lirici, prendendo parte ad alcuni dei maggiori festival internazionali. Dagli anni Ottanta, è co-direttore con Lorenzo Girodo, del gruppo di Musica medievale Ensemble Clerici Vagantes. Studioso e collezionista di strumenti a pizzico storici e relativa iconografia, ha curato l'allestimento ed il catalogo di mostre di strumenti antichi ed è stato invitato a tenere conferenze e lezioni presso Conservatori, Univesità e Istituzioni internazionali fra cui la Schola Cantorum Basiliensis. Insegna strumenti a pizzico storici presso il Centro Studi Piemontese di Musica Antica di Biella, Liuto Medievale e Mandolino barocco presso il Conservatorio "A. Pedrollo" di Vicenza. E' autore del primo testo in lingua italiana sulla storia del liuto, di prossima pubblicazione nella collana Organologia dell'editore L'Epos.

    Il Caffè dei Giornalisti
    Il Caffè dei Giornalisti nasce nel 2012 da un'idea di Rosita Ferrato, giornalista professionista e scrittrice di Torino. Un luogo di incontro, un ponte fra diverse realtà, paesi e rispettivi modi di interpretare il giornalismo. Questa l'idea iniziale del Caffè dei Giornalisti, un'associazione culturale che vuole essere soprattutto "luogo": dove conoscersi, confrontarsi, fare rete, collaborare, come singoli, gruppi, istituzioni per agevolare sinergie, significative per i professionisti del giornalismo ma interessanti anche per i "non addetti ai lavori", curiosi dei temi del settore.
    Il caffè è storicamente un posto dove le persone si incontrano, discutono, fanno cultura, vanno a scrivere, a pensare. II Caffè dei Giornalisti vuole essere tutto ciò a prescindere da un preciso unico luogo fisico: prende vita da un sito web e si concretizza nelle attività e negli eventi proposti in diversi luoghi storici di Torino e di altre città. Il Caffè vuole essere luogo di partenza di iniziative che promuovano la cultura del rispetto e della libertà di informazione e di stampa, ma anche ponte verso esperienze di altri paesi.




lunedì 5 dicembre 2011

Lunedì 05.12.12 Tutti Stranieri su Rai Radio 3




Per un’intera giornata, lunedì 5 dicembre, ai microfoni di Radio3 si alterneranno conduttori accomunati dal fatto di essere stranieri, sia nati in Italia che immigrati nel nostro paese.


Tante le provenienze e le professioni: giornalisti, scrittori, insegnanti, scienziati, operatori sociali, attori, musicisti, contribuiranno con le loro testimonianze a rendere la programmazione ancora più ricca di esperienze.

Queste voci sono spesso ospiti nei programmi di Radio3, che da sempre dedica molto spazio alle tematiche dell’immigrazione, ma lunedì 5 dicembre la loro presenza sarà più evidente e corale, per offrire punti di vista diversi, per generare curiosità e non diffidenza o paura.

Il microfono a questi mondi e a queste storie può raccontarci che siamo tutti stranieri e insieme, se si pensa al recente appello del Presidente della Repubblica sui nati in Italia¸ tutti italiani.

Ascolta gli audio:
Udo Gumpel - Radio3Mondo
Marina Lalovic - Tutta la città ne parla
Eric Jozsef - Prima Pagina
Bass Ernst - Radio3Suite




--

Dalla rassegna stampa italiana e internazionale, alla letteratura, alla musica,
ecco il palinsesto di Radio3 tutti stranieri di lunedì 5 dicembre:



Qui Comincia. Samir Al Qariouty, giornalista palestinese collaboratore di Al Jazeera.

Radio3 Mondo. Conduce sia la rassegna stampa che l'approfondimento delle 11.30, Udo Gumpel corrispondente dall’ Italia della Ntv tedesca, canale del gruppo RTL.




Prima Pagina. Eric Jozsef, corrispondente di Liberation.


Pagina 3. La scrittrice egiziana/congolese Ingiy Mubiayi.



Primo Movimento. Angelina Yeshova compositrice e pianista kazaka.


Tutta la città ne parla. Marina Lalovic, giornalista serba, redattrice del Babzine, il Magazine settimanale di Babel, canale 141 di Sky dedicato ai nuovi Italiani.


Radio3Scienza. Agnes Allansdottir, islandese, docente di psicologia della comunicazione all'università di Siena.


La Barcaccia. Rebecca Berg, docente di canto del Conservatorio di S. Cecilia.



Chiodo Fisso. Kiran e Rasja: la storia degli alberi del Puinjab e Bangladesh.


Alza il Volume. La musicista somala Saba Anglana.


Fahrenheit. Interventi di Bijan Zarmandili, scrittore iraniano, Qeenia Pereira, brasiliana e rappresentante della Rete G2-Seconda Generazione, Aly Baba Faye, sociologo senegalese.


Hollywood Party. Nick Vivarelli, corrispondente per l'Italia della rivista di spettacolo Variety.


Radio3Suite. Conduce Oreste Bossini insieme a Bas Ernst, addetto culturale dell'ambasciata olandese in Italia. Ospiti d'eccellenza la pianista inglese Angela Hewitt, il tenore albanese Saimir Pirgu, il pianista e direttore d'orchestra Alexander Lonquich, il pianista turco Fazil Say e, nello spazio dedicato al teatro, il regista Peter Stein.
Battiti. Il musicista americano John Arnold.











Michelangelo Pistoletto per Radio3
 


sabato 26 novembre 2011

Venerdì 16.12.11 ore 18 Circolo dei Lettori

Younis Tawfik presenta il suo nuovo romanzo "La sposa ripudiata", ambientato tra Torino e il Marocco, il 16 dicembre 2011 alle ore 18 al Circolo dei Lettori in via Bogino, 9 a Torino. 

أصدقائي الأعزاء صدرت روايتي الجديدة "الزوجة المطلقة" باللغة الإيطالية والتي سيتم حفل توقيعها الرسمي يوم 16 ديسمبر القادم في تورينو.

lunedì 21 novembre 2011

Lunedì 21.11.11 ore 20.15 Museo Nazionale del Cinema (Mole Antonelliana)

Un Museo per l'Africa

segnalazione della nostra Margherita Di Pinto 
Appuntamento inaugurale di UN MUSEO PER L’AFRICA con la proiezione di Mariscica fu la prima di Annamaria Gallone, che introdurrà il film insieme a Giuseppe Gariazzo.
Bibliomediateca – 21 novembre 2011, ore 20.30, Sala Eventi


Appuntamento inaugurale del progetto del Museo Nazionale del Cinema UN MUSEO PER L’AFRICA, ciclo di eventi, incontri e proiezioni dedicati al continente africano, lunedì 21 novembre 2011, alle ore 20.30, con la proiezione del documentario Mariscica fu la prima di Annamaria Gallone. L’evento è curato dal critico e studioso di cinema africano Giuseppe Gariazzo, che introdurrà insieme all’autrice il suo lavoro, particolarmente delicato e sensibile, sulla migrazione delle donne capoverdiane.
UN MUSEO PER L’AFRICA è un progetto del Museo Nazionale del Cinema. Continuazione ideale della rassegna SCHERMI AFRICANI, presentata a maggio dello scorso anno, il progetto si realizzerà in collaborazione con diversi enti e associazioni che operano nel settore della cooperazione internazionale, sono previsti incontri con registi, proiezioni e presentazioni di libri che si terranno con cadenza mensile fino a maggio 2012 e che saranno puntualmente comunicati. Il programma comprende inoltre tre proiezioni al mattino per gli studenti delle scuole superiori torinesi di alcuni dei film in programma.
Anche per questi nuovi appuntamenti è prevista la collaborazione con il Consorzio ONG Piemonte.

Annamaria Gallone
Mariscica fu la prima
(Italia-CapoVerde 2010, 90’, col.)
Sono tutte donne, e tutte hanno una storia da raccontare: sono le protagoniste di un fenomeno abbastanza particolare, una migrazione tutta al femminile verso un’Italia che allora, agli inizi degli anni ‘60, conosceva solo l’emigrazione. Erano ragazze quando sono partite da un paese a sua volta giovane (l’indipendenza è del ’75) distribuito su dieci isole, le Isole di Capo Verde. Sono donne che hanno lavorato duro, che hanno
cambiato il proprio destino e che ora, tornate nelle isole d'origine, ci raccontano la storia della loro vita profondamente umana.

venerdì 1 luglio 2011

Giovedì 07.07.11 ore 17

IO NON DISCRIMINO !!


giovedì 7 luglio · 17.00 - 20.00


Sala dell'Antico Macello. via Matteo Pescatore 7 - Torino






Presentazione del Progetto di Legge regionale "Norme di attuazione delle parità di trattamento e del divieto di ogni forma di discriminazione nelle materie di competenza regionale" - prima firmataria

MERCEDES BRESSO

Relazione di ANNA SERAFINI, Senatrice del Partito Democratico

Interventi di:
Carla Castagna, componente associazioni per i diritti dei disabili
Aurelio Mancuso, Presidente Equality Italia, rete trasversale per i diritti civili
Anna Rossomando, deputata del Partito Democratico
Giuseppe Vitiello, respondabile del coordinamento medico-legale Inps Piemonte
Andrea Fino, coordinamento Torino Pride LGBT
Giuliana Manica, consigliera regionale del Partito Democratico
Nando Sigismondi, Presidente Auser Piemonte
Claudio Vercelli, Istituto di studi storici "G. Salvemini"

CONCLUSIONI DI MERCEDES BRESSO



UNA PROPOSTA DI